CAOS Museo Archeologico: Karpüseeler - Vivavoce
15 Settembre 2018

CAOS Museo Archeologico: Karpüseeler - Vivavoce

sabato 15 settembre 2018 _ dalle ore 17.30
CAOS Museo Archeologico
Karpüseeler - Vivavoce
Antologia minima di opere scelte.
1978_2018.
Cura: Aldo Iori
Ideazione e coordinamento: Franco Profili
Collaborazione al Progetto:
Comune di Terni - Direzione Servizi Culturali e Servizi Museali
Gestione Servizi Museali della città di Terni - Civita, Indisciplinarte, Coopsociale ACTL e Coopsociale ALIS
la mostra sarà visitabile fino a domenica 14 ottobre 2018
giorni e orari di visita:
dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00
lunedì chiuso
ingresso libero
Info:
340 418 8488

museoarcheologicoterni@gmail.com






La mostra di Karpüseeler - Vivavoce, a cura di Aldo Iori, è allestita presso gli spazi del Museo Archeologico all'interno del complesso Caos, Centro Arti Opificio Siri di Terni e propone una minima antologia di importanti opere esposte in occasione del quarantennale della sua attività artistica.





Il Museo Archeologico accoglie, tra i suoi preziosi reperti antichi, una quindicina di opere che vengono collocate nel rispetto del luogo e del percorso espositivo. Una lunga tradizione, italiana e non solo, oramai accompagna questo tipo di eventi in cui l'arte contemporanea crea un ideale ponte con il passato, non tanto per dimostrare affinità linguistiche o a volte discutibili assonanze, ma per segnare l'attualità dei luoghi culturali in cui ritrovare le proprie radici e per ribadire l'eterna contemporaneità di tutta l'arte.





Karpüseeler ha da sempre rivolto la sua attenzione alla definizione dell'opera come concreto confine tra differenti ambiti della speculazione del pensiero contemporaneo. Interessato fin dal suo esordio del 1978 alle logiche cibernetiche, le sue opere varcano il confine disciplinare della scultura per dare concretezza a elaborazioni nelle quali sia la forma tende all'assoluto sia l'opera intera instaura con l'osservatore un inedito rapporto spazio-temporale. La rassegna si apre con l'inedita opera "VIVAVOCE" (2018), che fornisce il titolo alla mostra, e che da subito pone l'osservatore nello spazio pluridimensionale dell'opera, quasi a chiedergli ascolto o proponendogli un luogo ideale della riflessione. La parola con la sua vocalità fornisce, come in "Nazywam" (2012), la base scientifica e ideativa per la definizione della forma lignea; altre volte si coniuga con linguaggi tecnici, come il barcode presente in opere come "L.E.G.N.O." (1990) o "U.O.V.O." (2004) o l'artista utilizza la suggestione di calembour linguistici come "In/equi/vocare" (1987-2003), opera emblematica in cui il cavallo degli scacchi diviene mostro terribile di un inconscio che forza il pensiero razionale, o ancora in "Varano di Komòdo" (1987). Altre opere come "Verso infinito"(1995), "Piccola Voce" (2016), "Silenzio bianco" (2006) e "Coro" (2007) posseggono invece una forte e assoluta presenza che, come in Canova, Brancusi o Spalletti, travalica l'aspetto formale e l'opera ritrova una propria forte dimensione intellettuale.





Al finissage del 14 ottobre verrà presentato un catalogo, con testi di Aldo Iori e Francesco Santaniello e con immagini delle opere in mostra e apparati biobibliografici.





Karpüseeler (1955). Dopo essersi diplomato con Nuvolo all'Accademia di Belle Arti di Perugia, si dedica all'attività artistica realizzando opere, come i "Quadri logici", che danno forma a problematiche di derivazione concettuale. Dagli anni ottanta la sua ricerca si rivolge alla grande tradizione astratta contemporanea elaborando un personale linguaggio. Vincitore di premi internazionali di scultura, le sue opere sono presenti in numerose collezioni. Tra le mostre personali si ricordano quelle presso Galleria Centro L'Isola (Capri, 1988), Galleria Belvedere (Milano, 1991, 1993 e 2001), Galleria Alfonso Artiaco Napoli, 1992), Luigi Franco Arte Contemporanea (Torino, 1997), Galleria Artiscope II (Bruxelles, 1998), Vierteetage (Berlino, 2000), Spaziodinamico (Pisa, 2006) e Tangram (Perugia, 2016). Tra le rassegne internazionali si ricordano "Isole del disordine"(Cortona, 1994), "Percorsi" (Cerrina, To, 1997), "Oro" (Bruxelles, 1996), "Amici miei" (Bruxelles,1999), "Futurama, arte in Italia" (Prato, 2000), "XII Biennale Internazionale di Scultura" (Carrara, 2006), "Terra di Maestri", (Spello, 2007), "XV Quadriennale d'Arte" (Roma, 2008), "Fighters and Survivors" (Roma 2012), "Ricognizione" (Foligno, 2014), "Opere della Collezione Camusac" (Cassino, 2015), "Opera Prima" (Amelia, Tr, 2016). Vive e lavora in Umbria.



























LA LOCANDINA
News
dal 07 Gennaio al 31 Dicembre 2019
NERA NAHAR: Terni, che bella città!
Bisogna vedere quel che non si è visto,vedere di nuovo quel che si è già visto,vedere in primavera quel che si è visto in estate,vedere di giorno quel che si è visto di notte,con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era.Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli,e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Josè Saramago Una passeggiata per ogni mese dell'anno sulle tracce della Ninfa del fiume Nera, sui passi delle sorelle Mirabal, dietro lo sguardo di una Sfinge, alla ricerca dell'albero di Afrodite. Nera Nahar. Segni, sguardi, parole al femminile. Itinerari non convenzionali della città di Terni per cittadini e turisti curiosi. Edita, nel 2017, da bct_biblioteca comunale terni con la partecipazione di enti, associazioni, gruppi informali, scuole e singole donne, questa guida al femminile della città di Terni è espressione di una riflessione sul merito delle donne nella società e ne incoraggia la condivisione di valore. Diversi itinerari, organizzati per aree tematiche, che presentano al loro interno anche schede di interazione con i lettori. Due modi di riscoprire Terni: come scenario pulsante di una storia sedimentata e come terreno sensibile su cui agisce la complessità del presente. La copertina in allegato. In vendita al Caos_Museo Archeologico e al Centro Visita e Documentazione "U.Ciotti" di Carsulae. Costo _ euro 12.00
dal 10 Febbraio al 09 Marzo 2019
CAOS Museo Archeologico: la mostra "Le nuove Afroditi" e gli eventi collaterali
fino a sabato 9 marzo 2019 CAOS Museo Archeologico Le nuove Afroditi mostra di Andrea Meneghetti a cura di Domenico Iaracà, coordinamento di Franco Profili giorni e orari di visita: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 lunedì chiuso ingresso libero A partire da "Le nuove Afroditi" due momenti di riflessione sul tema del femminile nel mondo antico. Gli incontri ruotano intorno ad importanti reperti archeologici, le Veneri Paleolitiche e la Mater Matuta, legati al culto della Dea madre, che testimoniano la persistenza nel tempo di alcuni attributi delle divinità femminili rintracciabili in epoca romana nella figura polisemica di Venere: giovedì 7 marzo 2019 _ ore 16.30 bct/sala videoconferenze Veneri arcaiche tra suggestioni e giochi filosofici a cura di Arcangela Miceli - ALI (Associazione Ludosofica Italiana)ingresso libero sabato 9 marzo 2019 _ ore 16.30 bct off/museo archeologico Il responso ribelle. Il viaggio di una sibilla dai Colli di Roma all'isola di Cipro incontro con Francesca Ribacchi - autrice del romanzo interviene Flavia Carderi - antichistaingresso libero eventi in collaborazione con bct-biblioteca comunale terni e Toponomastica femminile Info: 340 4188488 340 3458209 LA MOSTRA E L'ARTISTA Dopo una prima presentazione al Museo Civico Archeologico di Vicenza, arriva anche al CAOS di Terni la mostra "Le nuove Afroditi" di Andrea Meneghetti: progetto itinerante pensato per le raccolte archeologiche in Italia e particolarmente indicato per la città di Terni. Come negli altri musei, anche qui è serrato il dialogo tra i reperti antichi e le sculture contemporanee, a partire dal nome attributo dall'artista alle sue creazioni. Afrodite è un nome che rimanda a radici comuni, se non religiose, sicuramente iconografiche. E anche se sono mutati i canoni estetici e la tecnica utilizzata da Meneghetti, invariato è il senso di religioso rispetto che la figura femminile dovrebbe, nelle intenzioni dell'artista, suscitare in chi ci viene a contatto. Forte della sua formazione precedente, l'artista ci presenta opere da forti tratti grafici. Ma dopo aver abbandonato la tela come supporto, arriva a conquistare la terza dimensione facendo uso di supporti metallici. Non è un caso che tra i primi musei individuati per presentare il suo progetto ci sia stato quello di Terni, la città più strettamente collegata alla lavorazione del metallo. E il complesso museale stesso è il pregevole risultato della sapiente ristrutturazione di spazi industriali ormai dismessi. È in questo continuo rimando tra passato e presente, tra forme antiche e contenuti contemporanei che si concretizza il messaggio di Andrea Meneghetti. Andrea Meneghetti è nato nel 1977 a Bassano del Grappa (VI), vive e lavora a Romano d'Ezzelino (VI). Il suo interesse per l'arte è principalmente legato alla linea e, dalla pittura alla scultura, è un marcato segno grafico quello che contraddistingue la sua ricerca. Non estraneo a questo interesse il suo percorso di studi che lo porta, nel 1996, a diplomarsi alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Di due anni dopo, nel 1998, la prima mostra personale. Ha all'attivo numerose esposizioni personali e collettive in spazi pubblici e privati. Le opere dell'artista, pur su supporti diversi, hanno sempre una forte componente grafica, opere che trovano nel disegno a mano libera il loro punto di partenza. Non è un caso quindi che disegni abbiano fatto parte della sua prima mostra e che a questi l'artista lavori ancora nonostante numerose esposizioni dedicate alla scultura in metallo tagliato al laser. Altro filo rosso nella ricerca di Meneghetti è rappresentato dalla presenza della figura, preferibilmente femminile, sia essa ritratta dal vero o prodotto di rielaborazioni di immagini reperibili nella rete. Un interesse per il mondo sensibile, quindi, ma non estraneo ad una profonda ricerca interiore, personale, che non sfugge ai critici che si occupano della sua produzione. Crescente infatti l'attenzione riscossa presso pubblico e critica e risale già al 2008 il primo premio a concorsi artistici. Figure femminili, ma pure temi mitologici e fantastici animano opere da una tavolozza abbastanza ridotta, in opere in cui si incontrano e si scontrano quasi campiture uniformi sullo sfondo e gocciolature di colore non interamente controllate dall'artista. Approdato successivamente alla scultura, sviluppa una tecnica che dalla silhouette di ispirazione tardo settecentesca alle sagome utilizzate da William Kentridge ha ormai una lunga tradizione da lui rivissuta e rivisitata con temi e modalità proprie. A questa fase appartiene La primavera di Afrodite che ha ottenuto il premio del pubblico al premio internazionale COMEL nel 2015. Siano le sue inseparabili figure femminili, ormai assurte al ruolo di dee, o mondi fantastici in cui alberi della vita generano esseri multiformi, le sue sagome sono consegnate a lastre di metallo tagliate al laser. Una uniforme campitura nera ricopre queste opere che risaltano quindi immediatamente siano esse collocate nel chiuso di spazi museali o nello stesso spazio naturale. Domenico Iaracà andreameneghetti.altervista.org
Centro Visita e Documentazione "U.Ciotti" di Carsulae - Strada di Carsoli, 8 - 05100 Terni
Telefono e Fax: +39 0744 334133 - info@carsulae.it
facebook

Iscrizione alla newsletterCancellazione dalla newsletter