Storie di Persone e di Musei: il Museo Archeologico di Terni al Museo di Villa Giulia di Roma
17 Aprile 2018

Storie di Persone e di Musei: il Museo Archeologico di Terni al Museo di Villa Giulia di Roma

martedì 17 aprile 2018 _ ore 17.30
Museo Nazionale di Villa Giulia - Roma
Storie di Persone e di Musei:
Terni e il Museo Archeologico. Una città e la sua storia.
conferenza a cura dell'Archeologa Maria Cristina De Angelis
ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

Info:
340 418 8488

Il Museo Civico Archeologico di Terni ha avuto una storia lunga e travagliata. Fu voluto agli inizi del Novecento e curato, con il profondo amore che li legava alla città, da Giovanni Eroli, Luigi Lanzi ed Ettore Sconocchia. Nei decenni successivi alla sua costituzione, il museo ha subito numerosi spostamenti, allestimenti diversi, smembramento delle collezioni in più sedi per effetto dell'indifferenza che ha portato ad obliterare nel tempo dati e informazioni. Gli eventi bellici tra il 1940 e il 1945 hanno contribuito infine, con l'efferatezza dei bombardamenti subiti dalla città, a cancellare quasi la memoria storica più antica di Terni.

Il Museo, come una fenice, è rinato nel 2004: si deve all'interesse di Amministrazioni locali illuminate la "ricostituzione" del Museo Civico Archeologico nella sede attuale. Il Museo si trova infatti all'interno del Centro Arti Opificio Siri che ospita anche il Museo d'Arte moderna e contemporanea "Aurelio de Felice", un teatro sperimentale, una caffetteria, un bookshop e laboratori didattici.

Il Museo, allestito negli spazi al piano terra dell'ex stabilimento Siri, rappresenta un esempio eccellente di riutilizzo di un'area industriale dismessa. Costituito da 17 sale è articolato in due sezioni: la sezione preromana, ordinata secondo un criterio cronologico, ospita i reperti di epoca protostorica dal X al VIII secolo a.C. e poi importanti complessi, fino al VI sec. a. C., che documentano la storia dei Nahartes, il popolo umbro che occupò la conca tra i fiumi Nera (Nahr) e Serra.

Nelle restanti nove sale i materiali, raggruppati secondo un criterio tematico basato su singoli aspetti della vita quotidiana, raccontano la vita di Interamna Nahars, dalla conquista romana del III secolo a.C. fino all'epoca tardo antica.

Del Sistema Museale del Comune di Terni fanno parte anche il Centro-Visita e Documentazione "U. Ciotti" di Carsulae, l'anfiteatro romano e il Paleolab (mostra permanente delle raccolte paleontologiche dell'Umbria Meridionale).

Il ciclo Storie di Persone e di Musei

La conferenza rientra nel ciclo di incontri "Storie di Persone e di Musei", finalizzato al perseguimento dello spirito della Convenzione di Faro (2005) sul valore dell'eredità culturale per la società e, al contempo, ispirato al "decalogo per un Museo che racconti Storie quotidiane" di Orhan Pamuk, per dare spazio e voce alle molteplici realtà culturali locali che popolano il territorio di cui il Museo di Villa Giulia è stato ed è tuttora interprete. Lo scopo è quello di mettere a disposizione degli amministratori locali e dei curatori di raccolte civiche di interesse archeologico presenti nelle regioni del Lazio, dell'Umbria e della Toscana un luogo in cui poter raccontare la loro esperienza di valorizzazione non tanto dalla prospettiva delle "cose" quanto, piuttosto, da quella delle "persone", intese sia come operatori museali che come fruitori culturali, in modo tale da far convergere l'attenzione anche sulla dimensione immateriale della nostra eredità culturale e sulle persone che, a vario titolo, "desiderano" identificarsi in tali valori.

L'iniziativa rientra nella programmazione dell'Anno europeo del patrimonio culturale (2018) e ha ottenuto il patrocinio dell'International Council of Museum (ICOM) sezione italiana.

La partecipazione all'iniziativa così come l'ingresso al Museo per i partecipanti alle conferenze saranno eccezionalmente gratuiti, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

In continuità con il ciclo di conferenze organizzate dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma proseguono a Terni fino maggio gli incontri al Museo Archeologico per raccontare donne e uomini della comunità locale (per info: www.caos.museum ; www.carsulae.it).



News
dal 24 Marzo al 28 Aprile 2019
CAOS Museo Archeologico: la mostra "Kauwa-Auwa" di Attilio Quintili
domenica 24 marzo 2019 _ ore 17.00CAOS Museo ArcheologicoKauwa-Auwainaugurazione della mostra di Attilio Quintilia cura di Lorenzo Fiorucci e Luca Pietro Nicoletticoordinamento e curatela programma espositivo di Franco Profiliin collaborazione con: Comune di Terni - Servizi Culturali e Alta FormazioneGestione Servizi Museali della città di TerniCivita, Indisciplinarte, Coopsociale ACTL e Coopsociale ALISCavourArt associazione, Madè eventiingresso liberola mostra sarà visitabile fino a domenica 28 aprile 2019giorni e orari di visita:fino a sabato 30 marzodal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00da domenica 31 marzo a domenica 28 apriledal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00lunedì chiusoInfo:340 4188488museoarcheologicoterni@gmail.comAttilio Quintili, Studio: Via Vincioli, 13 - 06053 Deruta (Perugia)075 9711431 - 349 1339086www.attilioquintili.cominfo@attilioquintili.com I diversi interventi degli artisti contemporanei che negli ultimi mesi abbiamo chiamato a misurarsi con gli spazi del Museo Archeologico di Terni sono stati occasione e strumento di valorizzazione e nuova lettura della sua collezione permanente. Con Attilio Quintili si torna a parlare di terra e l'artista ci invita a farlo guardando quello che abbiamo dentro, sopra ed oltre di noi. Prosegue il viaggio di conoscenza, dialogo e confronto che gli uomini di oggi hanno con la storia e la memoria. Franco Profili... Per quest'occasione Quintili ha elaborato un'esposizione che più che una semplice presentazione delle sue ultime opere appare in verità la somma di un percorso individuale che affonda le proprie radici nella sfera spirituale, trovando sostanza in una riflessione giocata tra simbologie duali, significati allegorici e visioni archetipiche. E' proprio recuperando un archetipo dal forte valore sacro e simbolico, come l'asse cosmico o il kauwa-auwa, il bastone sacro su cui la civiltà australiana degli Achilpa si riuniva per dialogare e recuperare l'unità tra la sfera celeste e quella terrestre, che Quintili si interroga in un virtuale dialogo tra passato e presente sull'efficacia di un simbolo che permette l'unità contro ogni divisione sociale, politica culturale e naturale del mondo Lorenzo Fiorucci ... Ciò detto, non si deve trascurare nemmeno il fatto che a seconda della materia muta l'effetto e la reazione dell'argilla a questa pressione interna che la fa esplodere: pur nell'unità di procedimento, l'esito cambia a seconda del materiale, che mantiene sempre una forma di "memoria" costitutiva della propria struttura, sfaldandosi in maniera più precisa e ordinata, o disfacendosi in frammenti slabbrati. In ultimo, una volta scoperto che l'ipotesi figurale sta soprattutto nella cultura visiva del fruitore e nelle possibilità analogiche della sua esperienza personale, l'opera alla fine conserva un altro tipo di ricordo: la scultura, nel caso di Quintili, è un lungo discorso sulla memoria della materia ... Luca Pietro Nicoletti In occasione dell'inaugurazione verrà presentato il libro di mostra dal titolo kauwa-auwa Attilio Quintili con testi di Lorenzo Fiorucci e Luca Pietro Nicoletti (freemocco edizioni).
26 Marzo 2019
CAOS Museo Archeologico: Ti presento Flora!
martedì 26 marzo 2019 _ ore 16.00CAOS Museo ArcheologicoTi presento Flora!Moderno di linea ispirato al contenitorelaboratorio di arte florealecosto _ euro 30.00a cura di Garden Club Terni in collaborazione con SIAF - Scuola Italiana Arte Floreale e bct - biblioteca comunale terniiscrizione entro venerdì 22 marzo Info: 340 4188488museoarcheologicoterni@gmail.com
Centro Visita e Documentazione "U.Ciotti" di Carsulae - Strada di Carsoli, 8 - 05100 Terni
Telefono e Fax: +39 0744 334133 - info@carsulae.it
facebook

Iscrizione alla newsletterCancellazione dalla newsletter