Pacchetti turistici
Storia, vino e buon gusto lungo l'antica Via Flaminia
A partire da € 183,00
Un soggiorno nel piccolo borgo di Acquasparta per esplorare le colline, l'antica via Flaminia e la buona tavola!

1° giorno

Arrivo ad Acquasparta, incantevole borgo dell'Umbria, antica residenza del nobile scienziato Federico Cesi, personaggio di spicco del Rinascimento Italiano e fondatore dell'Accademia dei Lincei. Passeggiata per le vie del centro storico, situato lungo l'antica Via Flaminia.

Sistemazione in Bed and Breakfast, cena di benvenuto a base di prodotti tipici della cucina umbra e pernottamento.

2° giorno

Partenza per la città Todi, piccolo gioiello dell’Umbria. E' possibile ammirare la Chiesa Tempio di Santa Maria della Consolazione, la Cattedrale ricostruita nel XVI secolo dal vescovo di Todi Angelo Cesi ed il Tempio di San Fortunato.

Degustazione di prodotti tipici locali e vino 

Rientro in Bed and Breakfast e pernottamento.

3° giorno

Visita del Parco Archeologico di Carsulae, conosciuto anche come la "Pompei dell’Umbria". Una guida vi accompagnerà nell'itinerario alla scoperta della bellissima città romana che conserva ancora quasi intatto l'impianto: antica via Flaminia, foro, tombe monumentali, teatro, anfiteatro.

Visita di un'azienda agricola, degustazione di olio, vino e tagliere.
leggi tutto
Weekend della Cascata
A partire da € 201,00
1° GIORNO - IL VELINO
Arrivo dei partecipanti a Rieti, incontro con accompagnatore turistico ed inizio visita guidata del centro storico della città: Il Ponte Romano, Palazzo Vecchiarelli, la Cattedrale di Santa Maria, la Piazza e la Chiesa San Rufo, il Palazzo Vescovile, il Teatro Flavio Vespasiano, il Monumento alla Lira.

Mini degustazione di cioccolato presso una nota Cioccolateria del centro. Trent’anni di esperienza nel settore della pasticceria, gelateria e cioccolateria hanno dato il via al progetto “La Fabbrica del Cioccolato” iniziato a Rieti nel febbraio del 2008.

Degustazione presso una Cantina locale. Tra i primissimi sostenitori sul territorio, di una viticoltura moderna e di selezione qualitativa, la Cantina è oggi una realtà vinicola affermata e conclamata nel panorama vinicolo nazionale.

Pranzo a Labro presso un Ristorante tipico. L’atmosfera che si respira nel centro storico del paese, all’interno dell’enoteca/osteria, è anch’essa magica e coinvolgente. La dinamicità, la creatività ed un’insuperabile e garbata accoglienza, caratterizzano questo piccolo gioiello enogastronomico ormai entrato di diritto nelle “attrazioni da visitare”.

Pomeriggio libero (consigli di visite senza accompagnatore)

Sistemazione presso un Relais che sorge all’interno della suggestiva e caratteristica campagna “Rosea” in seguito ad una meticolosa ristrutturazione di quello che era un incantevole borgo ottocentesco abitato dai vecchi contadini della tenuta agraria del Principe Ludovico Spada Veralli Potenziani.

Cena con prodotti e piatti del territorio presso il ristorante del Relais. Un ambiente accogliente e curato, che nasce dalla volontà di offrire ai propri ospiti il giusto connubio tra eleganza e semplicità nel rispetto costante per la naturalità e la sostenibilità delle materie prime con un menù sempre attento alla stagionalità dei prodotti.


2° GIORNO - IL NERA
Degustazione di olio EVO della Valnerina. Autenticità e convivialità, sono queste le due parole chiave che contraddistinguono l’attività agricola.
L’extra vergine biologico è ottenuto esclusivamente da olive locali, le cui cultivar principali sono il moraiolo ed il leccino, caratteristiche della zona.

Pranzo con prodotti e piatti del territorio della Valnerina presso un Ristorante premiato dalla guida Slow Food “Osterie d’Italia” tra i migliori rappresentanti dell’Umbria gastronomica. Assoluto protagonista è il tartufo, con una grande attenzione alla stagionalità delle materie prime con un menù dinamico che sorprende sempre.

Visita alla Cascata delle Marmore. E’ una cascata a flusso controllato, tra le più alte d’Europa, suddivisa in 3 salti che complessivamente coprono un dislivello di 165 metri. Si trova in Umbria, quasi alla fine della Valnerina, la lunga valle scavata dal fiume Nera.
leggi tutto
Addio al celibato/nubilato... adrenalinico!
A partire da € 209,00
Se le solite idee non ti piacciono e non sai cosa organizzare per l'addio al celibato, questa è la proposta adatta. 

Due giorni di emozioni indimenticabili per tutti: si inizia con un'adrenalinica discesa di rafting, nel tratto di fiume Nera che scorre proprio nei pressi della Cascata delle Marmore.

E' prevista una passeggiata lungo i sentieri all'interno del Parco della Cascata per apprezzarne gli angoli più belli.

Per la serata una deliziosa cena a base di prodotti tipici, mentre il giorno seguente vi aspetterà una emozionante giornata dedicata al Canyoning in una delle forre più belle dell'Umbria.

 Divertimento, adrenalina e ottimo cibo: il giusto binomio per un'occasione così speciale!

 
leggi tutto
MTB Grand Tour dell'Appennino Umbro
A partire da € 232,00
Si tratta del giro completo di tutte le montagne pìù belle che circondano la conca ternana. Considerando la distanza, l’altimetria e le caratteristiche del fondo (alcuni single track impegnativi) il percorso è stato diviso in più tappe per renderlo più turistico e meno estremo (è possibile comunque personalizzarlo in base al proprio tipo di allenamento). Lungo il percorso è raro incontrare auto e il panorama, molto vario, può essere goduto in assoluta tranquillità.  

Primo giorno
La partenza e l'arrivo di questo itinerario sono previsti presso il Lago di Piediluco  (375 m),  nell'Italia centrale, su cui si affaccia il piccolo borgo di pescatori da cui prende il suo nome. Una realtà tranquilla, dove trascorrere del tempo per una piacevole passeggiata lungo le sponde del lago oppure imbarcarsi per un rilassante giro in battello, alla scoperta degli scorci più nascosti. La prima giornata prevede la partenza da Piediluco, in direzione Prati di Stroncone (900 m): in questo altopiano è prevista una sosta per rifocillarsi e riprendere energie. Si riparte sempre su sterrato alla volta di Miranda attraversando castagneti secolari, per concludere la giornata, dopo una serie di discese entusiasmanti, ad Arrone, dove è previsto il primo pernottamento. Prima di giungere alla struttura ricettiva, è prevista una sosta alla Cascata delle Marmore, per ammirare lo spettacolo della cascata più alta d'Europa.

Secondo giorno
Si parte in direzione
Collestatte, per raggiungere attraverso un percorso collinare Poggio Lavarino. Da qui si prosegue attraversando tutta la Valserra accompagnati da meravigliosi panorami. Il percorso si snoda tutto in salita lungo sterrate fino a raggiungere la sommità di Cima Forca (665 m), per poi iniziare a scendere alternando single track a sterrate fino a raggiungere Portaria, dove ci sarà una sosta per assaporare prodotti tipici dell'umbria nell'incatevole centro storico. Superato l'abitato ci dirigiamo verso il sito archeologico di Carsulae: antica città romana posta lungo la famosa Via Flaminia. Dopo un passaggio nella storia si prosegue per Cesi, altro incantevole borgo, dal quale inizia l'ultima salita della giornata, che temina, dopo essere passati nei pressi dell'antica Chiesa di Sant'Erasmo, a Torre Maggiore (1.121 m) da qui tramite sali e scendi si arriva a Macerino (665 m), dove sono previsti cena e pernottamento.

Terzo giorno
Partenza in direzione del Lago di Piediluco, attraversando le montagne tra
Montebibico e Cecalocco (770 m), fino a raggiungere Arrone, per poi risalire lungo la sterrata della Madonna dello Scoglio, da cui sarà possibile ammirare un panorama fantastico prima sulla Valnerina poi sul Lago di Piediluco, dove è previsto l'ultimo pernottamento.

Quarto giorno
Tempo libero per visitare il Lago di Piediluco, magari facendo un giro turistico in battello o assaporando piatti tipici in uno dei numerosi ristoranti del territorio (queste attività sono escluse dal prezzo del pacchetto proposto).

 
leggi tutto
Relax e divertimento al Lago di Piediluco
A partire da € 253,00
Il Lago di Piediluco, il secondo più grande dell'Umbria dopo il Trasimeno, sarà un meraviglioso sfondo per la vostra minivacanza all'insegna del relax e del divertimento outdoor.

Programma

Soggiorno presso hotel in posizione panoramica sul lago di Piediluco.

Cena di benvenuto vista lago a base di specialità tipiche locali.

Visita guidata al Castello di Labro, un'antica rocca del XV secolo, nel piccolo borgo del Lazio  che offre una meravigliosa vista sul lago e sulle montagne circostanti, come il monte Terminillo.

Tour in battello del lago di Piediluco con stop fotografico degli scorci più belli.

Ingresso all'imperdibile parco della Cascata delle Marmore con visita in notturna

Discesa di Soft Rafting lungo il fiume Nera.
leggi tutto
Umbria Gourmet: alla scoperta del tartufo nero
A partire da € 304,00
Una fantastica occasione per scoprire l'Umbria.

Scoprirete i tesori della Valnerina, la valle del Fiume Nera che da Norcia si estende fino alla Cascata delle Marmore e a Terni. Si tratta di un territorio incontaminato, suggestivo e ricco di prelibati prodotti tipici e antiche tradizioni culinarie.

Avrete l'opportunità di sperimentare una divertente quanto interessante "caccia al tartufo" nel bosco. Dopo la caccia entrerete nel mondo di uno chef professionista: le sue maestrie saranno a vostra disposizione per una lezione di cucina, durante la quale imparerete a preparare degli ottimi piatti, che infine degusterete durante il pranzo.

Il giorno successivo visiterete il parco della cascata delle Marmore, la più alta d'Europa e ne scoprirete il fascino e la storia. Un battello vi attenderà poi  al Lago di Piediluco: dopo il giro turistico, lungo le sponde del lago, degusterete piatti tipici locali, accompagnati da ottimo vino.
leggi tutto
News
dal 07 Gennaio al 31 Dicembre 2019
NERA NAHAR: Terni, che bella città!
Bisogna vedere quel che non si è visto,vedere di nuovo quel che si è già visto,vedere in primavera quel che si è visto in estate,vedere di giorno quel che si è visto di notte,con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era.Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli,e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Josè Saramago Una passeggiata per ogni mese dell'anno sulle tracce della Ninfa del fiume Nera, sui passi delle sorelle Mirabal, dietro lo sguardo di una Sfinge, alla ricerca dell'albero di Afrodite. Nera Nahar. Segni, sguardi, parole al femminile. Itinerari non convenzionali della città di Terni per cittadini e turisti curiosi. Edita, nel 2017, da bct_biblioteca comunale terni con la partecipazione di enti, associazioni, gruppi informali, scuole e singole donne, questa guida al femminile della città di Terni è espressione di una riflessione sul merito delle donne nella società e ne incoraggia la condivisione di valore. Diversi itinerari, organizzati per aree tematiche, che presentano al loro interno anche schede di interazione con i lettori. Due modi di riscoprire Terni: come scenario pulsante di una storia sedimentata e come terreno sensibile su cui agisce la complessità del presente. La copertina in allegato. In vendita al Caos_Museo Archeologico e al Centro Visita e Documentazione "U.Ciotti" di Carsulae. Costo _ euro 12.00
dal 10 Febbraio al 09 Marzo 2019
CAOS Museo Archeologico: la mostra "Le nuove Afroditi" e gli eventi collaterali
fino a sabato 9 marzo 2019 CAOS Museo Archeologico Le nuove Afroditi mostra di Andrea Meneghetti a cura di Domenico Iaracà, coordinamento di Franco Profili giorni e orari di visita: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 lunedì chiuso ingresso libero A partire da "Le nuove Afroditi" due momenti di riflessione sul tema del femminile nel mondo antico. Gli incontri ruotano intorno ad importanti reperti archeologici, le Veneri Paleolitiche e la Mater Matuta, legati al culto della Dea madre, che testimoniano la persistenza nel tempo di alcuni attributi delle divinità femminili rintracciabili in epoca romana nella figura polisemica di Venere: giovedì 7 marzo 2019 _ ore 16.30 bct/sala videoconferenze Veneri arcaiche tra suggestioni e giochi filosofici a cura di Arcangela Miceli - ALI (Associazione Ludosofica Italiana)ingresso libero sabato 9 marzo 2019 _ ore 16.30 bct off/museo archeologico Il responso ribelle. Il viaggio di una sibilla dai Colli di Roma all'isola di Cipro incontro con Francesca Ribacchi - autrice del romanzo interviene Flavia Carderi - antichistaingresso libero eventi in collaborazione con bct-biblioteca comunale terni e Toponomastica femminile Info: 340 4188488 340 3458209 LA MOSTRA E L'ARTISTA Dopo una prima presentazione al Museo Civico Archeologico di Vicenza, arriva anche al CAOS di Terni la mostra "Le nuove Afroditi" di Andrea Meneghetti: progetto itinerante pensato per le raccolte archeologiche in Italia e particolarmente indicato per la città di Terni. Come negli altri musei, anche qui è serrato il dialogo tra i reperti antichi e le sculture contemporanee, a partire dal nome attributo dall'artista alle sue creazioni. Afrodite è un nome che rimanda a radici comuni, se non religiose, sicuramente iconografiche. E anche se sono mutati i canoni estetici e la tecnica utilizzata da Meneghetti, invariato è il senso di religioso rispetto che la figura femminile dovrebbe, nelle intenzioni dell'artista, suscitare in chi ci viene a contatto. Forte della sua formazione precedente, l'artista ci presenta opere da forti tratti grafici. Ma dopo aver abbandonato la tela come supporto, arriva a conquistare la terza dimensione facendo uso di supporti metallici. Non è un caso che tra i primi musei individuati per presentare il suo progetto ci sia stato quello di Terni, la città più strettamente collegata alla lavorazione del metallo. E il complesso museale stesso è il pregevole risultato della sapiente ristrutturazione di spazi industriali ormai dismessi. È in questo continuo rimando tra passato e presente, tra forme antiche e contenuti contemporanei che si concretizza il messaggio di Andrea Meneghetti. Andrea Meneghetti è nato nel 1977 a Bassano del Grappa (VI), vive e lavora a Romano d'Ezzelino (VI). Il suo interesse per l'arte è principalmente legato alla linea e, dalla pittura alla scultura, è un marcato segno grafico quello che contraddistingue la sua ricerca. Non estraneo a questo interesse il suo percorso di studi che lo porta, nel 1996, a diplomarsi alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia. Di due anni dopo, nel 1998, la prima mostra personale. Ha all'attivo numerose esposizioni personali e collettive in spazi pubblici e privati. Le opere dell'artista, pur su supporti diversi, hanno sempre una forte componente grafica, opere che trovano nel disegno a mano libera il loro punto di partenza. Non è un caso quindi che disegni abbiano fatto parte della sua prima mostra e che a questi l'artista lavori ancora nonostante numerose esposizioni dedicate alla scultura in metallo tagliato al laser. Altro filo rosso nella ricerca di Meneghetti è rappresentato dalla presenza della figura, preferibilmente femminile, sia essa ritratta dal vero o prodotto di rielaborazioni di immagini reperibili nella rete. Un interesse per il mondo sensibile, quindi, ma non estraneo ad una profonda ricerca interiore, personale, che non sfugge ai critici che si occupano della sua produzione. Crescente infatti l'attenzione riscossa presso pubblico e critica e risale già al 2008 il primo premio a concorsi artistici. Figure femminili, ma pure temi mitologici e fantastici animano opere da una tavolozza abbastanza ridotta, in opere in cui si incontrano e si scontrano quasi campiture uniformi sullo sfondo e gocciolature di colore non interamente controllate dall'artista. Approdato successivamente alla scultura, sviluppa una tecnica che dalla silhouette di ispirazione tardo settecentesca alle sagome utilizzate da William Kentridge ha ormai una lunga tradizione da lui rivissuta e rivisitata con temi e modalità proprie. A questa fase appartiene La primavera di Afrodite che ha ottenuto il premio del pubblico al premio internazionale COMEL nel 2015. Siano le sue inseparabili figure femminili, ormai assurte al ruolo di dee, o mondi fantastici in cui alberi della vita generano esseri multiformi, le sue sagome sono consegnate a lastre di metallo tagliate al laser. Una uniforme campitura nera ricopre queste opere che risaltano quindi immediatamente siano esse collocate nel chiuso di spazi museali o nello stesso spazio naturale. Domenico Iaracà andreameneghetti.altervista.org
Centro Visita e Documentazione "U.Ciotti" di Carsulae - Strada di Carsoli, 8 - 05100 Terni
Telefono e Fax: +39 0744 334133 - info@carsulae.it
facebook

Iscrizione alla newsletterCancellazione dalla newsletter